La famiglia Chini

La famiglia Chini ha dato a Borgo San Lorenzo e al Mugello tutto, personalità culturalmente importanti, a cominciare dal pittore e decoratore Pietro Alessio, un artista dalla fresca vena classicheggiante, in sintonia con la cultura figurativa dell'epoca.

 

In seguito personaggi come Leto, Dario, Tito, continuatori dell'attività del capostipite, e Lino, autore di un'accurata Storia antica e moderna del Mugello, mettono a frutto una eredità di sicura consistenza culturale.

 

Sullo scorcio del secolo scorso, in continuità con questa illustre tradizione familiare, emerge la figura di Galileo Chini, che rappresenta sicuramente la più alta ed originale espressione dell'impegno creativo di questa famiglia.

 

 

Pressoché autodidatta e tuttavia dotato di notevole capacità, Galileo si affermò ben presto nell'ambiente artistico di Firenze, dove egli era nato nel 1873 da Elio.

 

La produzione artistica del periodo fiorentino, caratterizzata da una costante qualità e da un'originale interpretazione dei modi del Liberty europeo, si sostanzia in una decorazione dalla straordinaria raffinatezza ed eleganza, che interpreta il riferimento naturalistico evidenziandone gli aspetti più ritmici e linearistici, assieme ad una costante ricerca di suggestioni coloristiche.

 

Il cammino artistico di Galileo è scandito da progressivi avvicinamenti al gusto Liberty e a quello della Secessione Viennese.

Itinerario Liberty - Planning and Realization - Stefano Pelosi - www.stefanopelosi.it